Articoli ed eventi

Conferenza e Concerto - La Musica, l'Ispirazione e il Sacro - 21 Maggio

Sabato 21 Maggio alle ore 18:00, presso la sala conferenze dell’Associazione Archeosofica di Roma, in Piazza Ungheria 6 si terrà la conferenza con guida all’ascolto “La Musica, l’Ispirazione e il Sacro”. Ingresso Libero.

La Musica, l’Ispirazione e il Sacro

La musica sacra, dall’antichità fino al Rinascimento inoltrato, è stata una forma musicale a parte, separata dalla musica “profana” sia come modalità compositiva che come linguaggio formale. Lo scopo stesso di questo particolare ambito della musica, infatti, non era e non è solo quello di ispirare buoni sentimenti o un generico slancio religioso, ma di procurare un contatto reale con l’Assoluto in virtù di una “risonanza” tra l’Alto e il basso resa possibile proprio grazie alle leggi di analogia caratteristiche di un certo linguaggio simbolico musicale.

angel-musicians-hans-memling-1480s-620x320

Per questo sono stati tramandati una serie di canoni speciali ai quali era obbligatorio attenersi, sia nella composizione che nell’esecuzione della musica sacra, che non avevano riscontro in nessun altro tipo di musica. Questo perché se la composizione stessa deve essere un “ricettacolo” della presenza divina, allora deve essere costruita in maniera ben precisa e colpire non tanto la parte emotiva e sentimentale dell’ascoltatore, quanto  risvegliare i suoi aspetti più interiori per condurlo fino alle vette dello spirito.

Dal Seicento in poi la musica sacra si è gradualmente mescolata a quella profana, rinunciando ai propri canoni a favore delle tecniche, cadenze e procedure dell’altra e differenziandosi da questa ormai solo più per l’argomento, cioè per il testo, diventando così una musica più “sacrale” o “a tema sacro” che “sacra” in sé.

Su queste considerazioni si svolgerà l’incontro del 21 maggio, incentrato sulle forme antiche della musica sacra, da quella più antica, passando per i Greci, arrivando al canto Bizantino e al Gregoriano, arricchendo la serata con ascolti di interessanti esecuzioni di questo repertorio raro e poco conosciuto insieme al soprano Debora Beronesi e al compositore Emiliano Sciarra.

Sabato 21 Maggio 2016
Ore 18:00
Ingresso Libero

Articoli correlati: